giovedì, aprile 26, 2007

"Lo Uttaro è la morte dei cittadini di Caserta!!!"

Mentre mi trovavo al consiglio comunale (Lunedì 23) insieme allo 0,25% (200 persone) dei cittadini casertani, un signore, come una scheggia impazzita, ha iniziato ad uralre più volte la frase che ho riportato nel titolo.
Senza entrare nei dettagli delle vicende (Macrico e Lo Uttaro) quello che in tutta la faccenda mi turba, e non poco, è l'atteggiamento del sindaco (Nicodemo Petteruti), che in un' intervista minimizza il tutto parlando di poche persone, che, anche se in buona fede, sono manipolate dai suoi oppositori politici.

Caro sindaco,
io, e come me altre persone, non sono mosse da nessun interesse di partito, abbiamo semplicemente PAURA delle decisioni che vengono prese, decisioni che riguardano la salute mia e delle generazioni future. Vedere Tir e Tir che sversano rifiuti a 500 metri dalla mia abitazione, a pochi metri dal nascente policlinico e dalla zona Saint Gobain, che ospiterà, credo, migliaia di persone, fa PAURA.
Sapere che l'ultima zona verde della città (il Macrico) potrebbe veder nascere altre costruzioni ad uso privato e commerciale fa PAURA. Sono, siamo, spaventati, e lei non può minimizzare questi problemi oggettivi che richiedono un immediato intervento. Osservare GABBIANI attraverso la finestra mi spaventa, perché non abito in riva al mare.

Questo sabato ci sarà una manifestazione contro la discarica de Lo Uttaro, sorta secondo alcune notizie su una precedente discarica abusiva contenente materiali altamente inquinanti.

Questo è un video che mostra l'arrivo dei Tir nella zona e le proteste verbali di alcuni cittadini, che secondo il sindaco evidentemente avrebbero fatto bene a stare a casa e dormire sonni tranquilli, tanto di questi problemi se ne sta occupando egregiamente lui, la provincia, la regione e tutte le istituzioni coinvolte.

4 commenti:

Laura ha detto...

Mi ritengo offesa dalle parole del Sindaco, che ha minimizzato la partecipazione dei cittadini all'assemblea: la cosa più grave non è stato il lancio delle verdure, la cosa grave è che si pensa che il comune cittadino non debba interessarsi della politica, perché la politica la fanno i politici, ma (cristosanto) è un concetto un po' superato questo, no?
La politica è un mezzo, e non è una cosa complicata da capire, e pure se fosse, va spiegata ai cittadini, che sono gli elettori (quegli stessi sfigati, caro sindaco, che l'hanno votata, ma certamente l'anno scorso le erano simpatici, all'epoca delle elezioni, ora invece sono solo "una frangia non rappresentativa della città che è mossa dai burattinai all'opposizione"). Non andavano offesi quei pochi cittadini intervenuti al Consiglio comunale!
Primo: io non faccio parte di nessuna associazione intervenuta all'assemblea, e non sono iscritta a nessun partito, SONO SOLO UNA CITTADINA
secondo: Se non so le cose me le devi spiegare, caro sindaco, o cari consiglieri
Terzo: non sono io a dover chiedere di partecipare all'assemblea, siete voi che amministrate la città a dovermi invitare
Quarto: il lancio delle verdure scandaloso? Invece i Consiglieri che si sono presentati con il ritardo di un'ora? La sede non sufficientemente capiente per ospitare quei pochi stronzi intervenuti? le persone anziane (anche loro del centro sociale, idiota di un sindaco?) costrette a stare in piedi e al caldo (mentre i consiglieri avevano il loro culo comodo sulle sedie in pelle e le bottigliette d'acqua sui banchi)?
Mi sembra ovvio che noi sembravamo un ammasso di gentaglia, tutti uno addosso all'altro, e i consiglieri invece l'immagine perfetta dell'ordine!! Ma non sono i reali che concedono udienza ai sudditi, bisogna smetterla!!
Scandaloso il lancio delle verdure? E le accusa che si sono lanciate i Consiglieri, su chi ruba di più? Bello spettacolo davvero quello. MaAndateAfanculo!

Linda ha detto...

Ho pauraaaa,
e concordo con tutto quello che ha scritto laura,
ma comunque nonostante sia ben chiaro che ormai siamo tutti fortemente sfiduciati e pieni di rabbia, urlare ogni due secondi interrompendo di volta in volta i vari consiglieri non mi è sembrata un'ottima idea...è stato il modo più semplice per far screditare tutto il movimento casertano che si sta muovendo per il macrico, tutti i CITTADINI..Ritornando alla monnezza,le cose finchè non ti toccano così da vicino ti scivolano accanto senza disturbare troppo..ma poi la puzza diviene persistente e insopportabile, siamo completamente invasi, e la puzza è solo un minimo danno, tra i più evidenti.. io non so a cosa stanno pensando tutte le madri dei bambini piccoli di questa città..ma se fossi al posto loro penserei al modo più rapido per andarmene..

Luciano ha detto...

Hai ragione sulle urla (e te lo dico io che sono uno di quelli che urlava), mi sarebbe piaciuto in tal proposito che il sindaco avesse detto: "I cittadini casertani non sono ancora stati educati ad assistere a consigli comunali e noi, che siamo attualmente in carica, ci auguriamo che presto i casertani siano abituati a seguire e ad intervenire in maniera naturale e 'corretta' ai prossimi consigli aperti".

Virgilio ha detto...

Sabato alle ore 09:30 tutti alla manifestazione contro lo Uttaro che partirà dalla stazione di Caserta.

Accorrete in tanti.