domenica, agosto 19, 2007

Macho Macho Man


Piccolo sfogo personale.
Sono veramente stufo del ruolo predominante dell'uomo nella nostra società. Sono stufo di vedere presentatori in giacca e cravatta anche ad Agosto e mute ragazze-oggetto (object object cantava qualcuno l'anno in cui sono nato) in mutande anche il 25 Dicembre. Sono stufo del fatto che la donna debba essere bella, che la donna debba essere celestiale (è finito lo stilnovo o no?) e nel contempo che all'uomo sia riconosciuto quasi il diritto di avere la tanto "agognata" panza. Sono stufo di vedere motori e donne (sempre in mutande e mute queste ultime): l'esempio classico sono le ragazze che reggono gli ombrellini (zeppi di pubblicità ovviamente) nei gran premi di auto e moto. Sono stufo degli stupri e dei soprusi, stufo del fatto che non ci sia ancora stato un presidente della repubblica donna, o che non ci possa categoricamente essere una PAPESSA. Sono stufo del fatto che molte ragazze/donne accettino e anzi usufruiscano del maschilismo per i propri tornaconti. Soprattutto sono stufo di una cosa: di essere anch'io maschilista.

9 commenti:

Laura ha detto...

ma tu non lo sei...o almeno non intenzionalmente...la maggior parte delle persone (me e te e compresi) risentono di un retaggio storico...

luisa ha detto...

forse dovresti prima schiarirti un po'le idee e poi decidere di cosa essere stufo.stufo della donna bella?cavolO! e allora frequenta una donna brutta, con alopecia e che pesa 80 kili.ki te lo impedisce?sei stufo del ruolo predominante dell'uomo?e tu nel tuo piccolo non 'predominare la donna!!e in fondo il dolce stilnovo non è mai esistito.se non nei sogni di medievali inesperti e ipocriti che tutto conoscevano tranne la donna.
ciao
a presto

Laura ha detto...

...non ha scritto che è stufo di donne belle, ma del fatto che la società carichi di valenza l'aspetto fisico della donna, mentre all'uomo è concesso anche "trascurarsi"... Ovviamente il riferimento è quello televisivo, o in generale della gente dello "spettacolo" (che di spettacolare hanno poco...vedi Gerry Scotti e le Letterine..)!!
Il Dolce Stilnovo è stato un genere letterario che raramente si poneva il problema sui pensieri più intimi della donna, ma il paragone tra la Donna-Madonna e le odierne Veline non è corretto: le prime erano un esempio di virtù, e il loro stesso non concedersi all'uomo (cioè al poeta che le cantava) le poneva "al di sopra dei piaceri terreni"; le seconde sono "libere da schemi" e indipendenti nelle loro scelte...e personalmente credo che a molte di loro fa "comodo" lo strascico di maschilismo di oggi...

Anonimo ha detto...

purtroppo le donne sono state e sono ancora spesso "obbligate" ad appoggiarsi ai ruoli prescritti per loro dall'immaginario maschile per ottenere un certo potere, che poi è prevalentemente un potere estetico-sessuale come dici tu (tu luciano!). Non uniformarsi a questo tipo di canoni estetici e comportamento sessuali equivale nel nostro regime sessista ad essere considerate "anormali" e emarginate, immagino che non tutte siano disposte a fottersene (per quanto a prima botta sarei tentata di dire che fotteresene rimane la strada più breve per cambiare le carte in tavola)
la questione è lavorare per non essere più mute senza per questo dover parlare la lingua degli uomini- e qui le nostre opinioni forse divergono, perchè nonostante tutto io non so se augurarmi che esista mai una papessa, mi piacerebbe pensare che un'ascesa al potere da parte delle donne cambi anche questo tipo di ruoli costituiti... se deve esserci papessa, che ci sia pure l'anticristo!!
vabbuò, questioni non semplici, mi stoppo qui.
s.

Anonimo ha detto...

tu stai fuori. non sai cosa scrivere però ti piace farlo.

Anonimo ha detto...

anonimo se non hai capito quello che ho scritto non ci posso fare niente, la prossima volta prima di leggere chiama a raccolta i neuroni.

Aguirre ha detto...

Concordo in pieno con l'anonimo se si riferisce a ciò che scrive il titolare del blog.

Paul Hill ha detto...

Donne obbligate? Ma la smettiamo? Tette e culi in faccia e vanno 2000 anni luce avanti a quel che faccio io con il mazzo cosi ! Ma smettiamola! C'e' chi compra la figa ma anche chi la vende. Viva la donna bella e forte che se ne fotte di tette e culi e fa valere la sua testa, ma quale obbligata e obbligata, donne cosi esistono e sono tutte intorno a noi, affanculo le veline!

Anonimo ha detto...

ciao paul hill! sono stefania, ho scritto io il commento sulle donne "obbligate", ma più che parlare di questo approfitto dello scambio accidentale per farti un saluto, è una vita che non ci si vede!
so che lavori a londra (almeno così mi pare), alla grande, un abbraccio.

p.s. scusa luciano per l'uso improprio del blog, tra l'altro ho risposto a un anonimo che non so se ce l'aveva col tuo post o col mio commento...il bello della rete...